immagine copertina licoli su biancolievito

Come Fare il Licoli a casa

Fare il Licoli a casa, come fare il Lievito Naturale, significa innescare un processo di fermentazione, ovvero catturare lieviti e batteri nell’aria ed indurli a moltiplicarsi! Detto così può sembrare molto astratto e complicato, ma la natura sa rendere le cose molto più facili del previsto! 

La ricetta del Licoli è davvero facile, ma per riuscire al meglio dovrete prestare attenzione a 3 fattori:

  • La Temperatura di fermentazione è sicuramente un fattore molto importante, perché influenzerà la riproduzione dei lieviti e dovrà essere compresa tra i 27°C e 30°C. Per poter ottenere questa temperatura, vi consiglio di far fermentare il vostro licoli nel forno spento, con la luce accesa ed un pentolino di acqua calda, che aiuterà ad alzare la temperatura.

 

  • La Farina che utilizzerete nei vari rinfreschi dovrà essere una farina forte (come una farina per pane, con un W intorno a 320). Inoltre vi consiglio di usare una farina di tipo integrale  o semi-integrale (di tipo 1) per innescare la fermentazione iniziale, ma di usare poi una farina forte 00 per i rinfreschi successivi, così da non acidificare troppo il lievito.

 

  • Il Tempo è sempre un ingrediente prezioso e nella preparazione dei lieviti, come il licoli, è indispensabile seguire il tempo dettato dal lievito stesso e dalla sua crescita. Non preoccupatevi quindi se il vostro licoli non rispetta i tempi che ci daremo tra poco. È molto importante capire questo aspetto, perché ogni lievito è diverso ed è influenzato dalla particolare flora batterica che si è creata, dalla farina che state usando e dalla temperatura della vostra cucina!

Vediamo allora come si fa il licoli a casa! 

La Ricetta del Licoli

Il metodo di preparazione che vi descrivo è un adattamento del metodo americano, tipico dello stato di San Francisco. Dopo aver provato diversi metodi per preparare il Licoli, mi sono convinto che questo sia quello più sicuro e stabile e che ci permette di avere un lievito pronto nel giro di 7 – 10 giorni.

Questo metodo prevede la creazione di un pre-impasto (tipico della preparazione di tutti i lieviti) e 2 rinfreschi ogni giorno per 7 -10giorni, distanziati di 8 e 16 ore ed effettuati ad una temperatura di 27°C – 30°C.

Noterete inoltre che rispetto al tradizionale metodo di preparazione del lievito in coltura liquida,  effettueremo i vari rinfreschi con un peso della farina superiore rispetto al peso del lievito; questo ci permetterà di tenere sotto controllo l’acidità del licoli e sviluppare maggiore forza.

Come già fatto per la preparazione del Lievito Madre, personalmente preferisco non usare alcuno starter come miele, polpa di frutta fermentata o ancora yogurt. Nella farina di buona qualità, infatti, ci sono già tutti gli elementi che servono per innescare una fermentazione in modo completamente naturale.

Nello schema della preparazione ho inserito degli orari di riferimento, così da poter capire i tempi e scegliere più facilmente un orario consono alle vostre esigenze.

 

GIORNO 1: Creiamo il Pre-Impasto

ore 10:00

Prendete una ciotola e mescolate:

100gr di Farina Integrale o Semi-Integrale

100gr di Acqua liscia (meglio se in bottiglia)

Create un impasto piuttosto grezzo, versatelo in un barattolo di vetro e copritelo, infine, con un foglio di carta da cucina fissandolo con un elastico. Mettetelo quindi a fermentare per 24 ore a 27°C – 30°C

preparazione del licoli su biancolievito 1
Ecco come appare il Pre-Impasto

 

Giorno 2: Il Primo Rinfresco

ore 10:00

Dopo le 24ore, noterete già un significativo aumento di volume, accompagnato da molte bollicine d’aria a testimonianza che la fermentazione è iniziata.

preparazione del licoli su biancolievito 1
Il Pre-Impasto dopo 24 ore di fermentazione

Eliminate lo strato superficiale dell’impasto, aiutandovi con un cucchiaio, prelevate 200gr di pre-impasto e pesate:

100gr di acqua liscia

100gr di Farina 00 di tipo forte (farina per Pane, W320)

Per prima cosa aggiungete l’acqua nell’impasto fermentato e mescolate con una frusta, così da ossigenare bene il lievito. Vedrete che sulla superficie si formeranno moltissime bolle d’aria. Vi consiglio di usare una semplice frusta a mano e non usare il mixer o il frullatore ad immersione come spesso si legge.

Quando il lievito si sarà sciolto, aggiungete la farina e mescolate con una spatola fino ad avere un composto ben omogeneo. La consistenza sarà piuttosto appiccicosa.

Versate quindi il Licoli in un barattolo ben pulito, coprite ancora una volta con un foglio di carta da cucina, fissato con un elastico e fate fermentare per 8 ore a 27°C – 30°C

preparazione del licoli su biancolievito 3
Giorno 2 – Dopo il primo rinfresco

 

Giorno 2: Il Secondo Rinfresco

ore 18:00

Trascorse 8 ore, riprendete il licoli, togliete lo strato superficiale con un cucchiaio e pesatene di nuovo 100 grammi. A questo punto eseguite un nuovo rinfresco con le seguenti proporzioni:

100gr di Licoli

180gr di Acqua

180gr di Farina oo di tipo forte (farina per Pane, W320)

Una volta impastato il licoli, lavate il barattolo, preferibilmente senza usare detersivi (perché potrebbero interferire con il lievito), coprite nuovamente con un foglio di carta, fissandolo con l’elastico e fate di nuovo fermentare il licoli per 16 ore a 27°C – 30°C

 

Giorni 3 – 10: 2 Rinfreschi al giorno

ore 10:00 e 18:00

Durante questi giorni sarà importante che vi impegniate a fare 2 rinfreschi al giorno (magari mantenendo gli stessi orari) e facendo fermentare il Licoli a 27°C – 30°C.

Come per il rinfresco successivo, le proporzioni da usare per effettuare i rinfreschi nei prossimi giorni sarà:

100gr di Licoli

180gr di Acqua

180gr di Farina oo di tipo forte (farina per Pane, W320)

Ecco cosa noterete in questi giorni:

  • Durante i primi giorni, il licoli avrà una consistenza piuttosto liquida, sintomo di una maggiore acidità. Con il passare dei giorni noterete che la consistenza diventerà meno liquida e più viscosa.
  • Durante la preparazione del licoli noterete il formarsi di un’alveolatura crescente. All’inizio gli alveoli saranno piccoli e tondi, ma nel corso del tempo diventeranno sempre più grandi e stabili
  • Il profumo passerà da quello di “farina bagnata” dei primi 2/3 giorni al vero sentore di lievito, con un gradevole nota acidula (intorno al 4°/5° giorno)
  • A causa della sua acidità, nei primi giorni lo sviluppo tenderà ad essere “irregolare” e vedrete che dopo le 8 o le 16 ore il licoli avrà raddoppiato il suo volume e sarà sceso. Con il passare del tempo noterete invece che la caduta sarà inferiore.

 

Quand’è che il Licoli sarà pronto?

Il segnale più chiaro per stabilire se il Licoli è maturo sarà il tempo impiegato a raddoppiare di volume: Se raddoppierà in circa 2/3 ore a 27°C – 30°C, allora il vostro licoli sarà pronto da usare e mettere in conservazione! Un altro aspetto molto importante sarà il profumo in cui dovrete sentire il caratteristico odore di lievito, insieme ad una gradevole nota acidula.

preparazione del licoli su biancolievito 4
Giorno 8 – Ecco come appare il Licoli dopo l’ultimo rinfresco

 

Cosa faccio quando il Licoli è pronto?

Una volta che il Licoli sarà finalmente pronto, potrete rinfrescarlo un ultimo rinfresco prima di metterlo in conservazione. Per questo cambieremo le proporzioni degli ingredienti e rinfrescheremo il Licoli in questo modo:

100 gr di Licoli

100 gr di Acqua

100 gr di Farina 00 forte 

Una volta rinfrescato, con lo stesso metodo descritto sopra, lo metteremo in un barattolo ben pulito ed infine lo potremo conservare in frigorifero a +4°C da 1 a 5 giorni.

Trascorse almeno 24 ore, potrete usare il Licoli per preparare la vostra ricetta, ricordandovi di lasciarne sempre una parte che conserverete.

 

Dal Lievito Madre al Licoli

Se avete già il vostro Lievito Madre e volete trasformarlo in Licoli, perché ritenete che sia più pratico e facile da gestire, allora dovrete semplicemente aumentare il quantitativo di acqua ad ogni rinfresco.

Se rinfrescate il Lievito Madre con il metodo in acqua, il vostro lievito ha un’idratazione del 30%: Infatti su 1kg di farina usata nel rinfresco, aggiungete solitamente 300gr di acqua.

Per ottenere il Licoli, dovrete aumentare del 10% il quantitativo di acqua ad ogni rinfresco, fino ad arrivare al 100% (pari peso di acqua rispetto alla farina).

Vi riporto qui sotto una tabella che potrà aiutarvi a pianificare il lavoro

Giorni% di Acquagr di Acqua per 1kg di Farina
Giorno 140%400 gr
Giorno 250%500 gr
Giorno 360%600 gr
Giorno 470%700 gr
Giorno 580%800 gr
Giorno 690%900 gr
Giorno 7100%1 kg

Fare il Licoli a casa, come fare il Lievito Naturale, significa innescare un processo di fermentazione, ovvero catturare lieviti e batteri nell’aria ed indurli a moltiplicarsi! Detto così può sembrare molto astratto e complicato, ma la natura sa rendere le cose molto più facili del previsto! 

La ricetta del Licoli è davvero facile, ma per riuscire al meglio dovrete prestare attenzione a 3 fattori:

  • La Temperatura di fermentazione è sicuramente un fattore molto importante, perché influenzerà la riproduzione dei lieviti e dovrà essere compresa tra i 27°C e 30°C. Per poter ottenere questa temperatura, vi consiglio di far fermentare il vostro licoli nel forno spento, con la luce accesa ed un pentolino di acqua calda, che aiuterà ad alzare la temperatura.

 

  • La Farina che utilizzerete nei vari rinfreschi dovrà essere una farina forte (come una farina per pane, con un W intorno a 320). Inoltre vi consiglio di usare una farina di tipo integrale  o semi-integrale (di tipo 1) per innescare la fermentazione iniziale, ma di usare poi una farina forte 00 per i rinfreschi successivi, così da non acidificare troppo il lievito.

 

  • Il Tempo è sempre un ingrediente prezioso e nella preparazione dei lieviti, come il licoli, è indispensabile seguire il tempo dettato dal lievito stesso e dalla sua crescita. Non preoccupatevi quindi se il vostro licoli non rispetta i tempi che ci daremo tra poco. È molto importante capire questo aspetto, perché ogni lievito è diverso ed è influenzato dalla particolare flora batterica che si è creata, dalla farina che state usando e dalla temperatura della vostra cucina!

 

Vediamo allora come si fa il licoli a casa! 

La Ricetta del Licoli

Il metodo di preparazione che vi descrivo è un adattamento del metodo americano, tipico dello stato di San Francisco. Dopo aver provato diversi metodi per preparare il Licoli, mi sono convinto che questo sia quello più sicuro e stabile e che ci permette di avere un lievito pronto nel giro di 7 – 10 giorni.

Questo metodo prevede la creazione di un pre-impasto (tipico della preparazione di tutti i lieviti) e 2 rinfreschi ogni giorno per 7 -10giorni, distanziati di 8 e 16 ore ed effettuati ad una temperatura di 27°C – 30°C.

Noterete inoltre che rispetto al tradizionale metodo di preparazione del lievito in coltura liquida,  effettueremo i vari rinfreschi con un peso della farina superiore rispetto al peso del lievito; questo ci permetterà di tenere sotto controllo l’acidità del licoli e sviluppare maggiore forza.

Come già fatto per la preparazione del Lievito Madre, personalmente preferisco non usare alcuno starter come miele, polpa di frutta fermentata o ancora yogurt. Nella farina di buona qualità, infatti, ci sono già tutti gli elementi che servono per innescare una fermentazione in modo completamente naturale.

Nello schema della preparazione ho inserito degli orari di riferimento, così da poter capire i tempi e scegliere più facilmente un orario consono alle vostre esigenze.

 

GIORNO 1: Creiamo il Pre-Impasto

ore 10:00

Prendete una ciotola e mescolate:

100gr di Farina Integrale o Semi-Integrale

100gr di Acqua liscia (meglio se in bottiglia)

Create un impasto piuttosto grezzo, versatelo in un barattolo di vetro e copritelo, infine, con un foglio di carta da cucina fissandolo con un elastico. Mettetelo quindi a fermentare per 24 ore a 27°C – 30°C

preparazione del licoli su biancolievito 1
Ecco come appare il Pre-Impasto

 

Giorno 2: Il Primo Rinfresco

ore 10:00

Dopo le 24ore, noterete già un significativo aumento di volume, accompagnato da molte bollicine d’aria a testimonianza che la fermentazione è iniziata.

preparazione del licoli su biancolievito 1
Il Pre-Impasto dopo 24 ore di fermentazione

 

Eliminate lo strato superficiale dell’impasto, aiutandovi con un cucchiaio, prelevate 200gr di pre-impasto e pesate:

100gr di acqua liscia

100gr di Farina 00 di tipo forte (farina per Pane, W320)

Per prima cosa aggiungete l’acqua nell’impasto fermentato e mescolate con una frusta, così da ossigenare bene il lievito. Vedrete che sulla superficie si formeranno moltissime bolle d’aria. Vi consiglio di usare una semplice frusta a mano e non usare il mixer o il frullatore ad immersione come spesso si legge.

Quando il lievito si sarà sciolto, aggiungete la farina e mescolate con una spatola fino ad avere un composto ben omogeneo. La consistenza sarà piuttosto appiccicosa.

Versate quindi il Licoli in un barattolo ben pulito, coprite ancora una volta con un foglio di carta da cucina, fissato con un elastico e fate fermentare per 8 ore a 27°C – 30°C

preparazione del licoli su biancolievito 3
Giorno 2 – Dopo il primo rinfresco

 

Giorno 2: Il Secondo Rinfresco

ore 18:00

Trascorse 8 ore, riprendete il licoli, togliete lo strato superficiale con un cucchiaio e pesatene di nuovo 100 grammi. A questo punto eseguite un nuovo rinfresco esattamente come quello della mattina.

Una volta impastato il licoli, lavate il barattolo, preferibilmente senza usare detersivi (perché potrebbero interferire con il lievito), coprite nuovamente con un foglio di carta, fissandolo con l’elastico e fate di nuovo fermentare il licoli per 16 ore a 27°C – 30°C

 

Giorni 3 – 10: 2 Rinfreschi al giorno

ore 10:00 e 18:00

Durante questi giorni sarà importante che vi impegniate a fare 2 rinfreschi al giorno (magari mantenendo gli stessi orari) e facendo fermentare il Licoli a 27°C – 30°C.

Ecco cosa noterete:

  • Durante i primi giorni, il licoli avrà una consistenza piuttosto liquida, sintomo di una maggiore acidità. Con il passare dei giorni noterete che la consistenza diventerà meno liquida e più viscosa.

 

  • Durante la preparazione del licoli noterete il formarsi di un’alveolatura crescente. All’inizio gli alveoli saranno piccoli e tondi, ma nel corso del tempo diventeranno sempre più grandi e stabili

 

  • Il profumo passerà da quello di “farina bagnata” dei primi 2/3 giorni al vero sentore di lievito, con un gradevole nota acidula (intorno al 4°/5° giorno)

 

  • A causa della sua acidità, nei primi giorni lo sviluppo tenderà ad essere “irregolare” e vedrete che dopo le 8 o le 16 ore il licoli avrà raddoppiato il suo volume e sarà sceso. Con il passare del tempo noterete invece che la caduta sarà inferiore.

 

Quand’è che il Licoli sarà pronto?

Il segnale più chiaro per stabilire se il Licoli è maturo sarà il tempo impiegato a raddoppiare di volume: Se raddoppierà in circa 2/3 ore a 27°C – 30°C, allora il vostro licoli sarà pronto da usare e mettere in conservazione! Un altro aspetto molto importante sarà il profumo in cui dovrete sentire il caratteristico odore di lievito, insieme ad una gradevole nota acidula.

preparazione del licoli su biancolievito 4
Giorno 8 – Ecco come appare il Licoli dopo l’ultimo rinfresco

 

Cosa faccio quando il Licoli è pronto?

Una volta che il Licoli sarà finalmente pronto, potrete rinfrescarlo un ultimo rinfresco prima di metterlo in conservazione. Per questo cambieremo le proporzioni degli ingredienti e rinfrescheremo il Licoli in questo modo:

100 gr di Licoli

100 gr di Acqua

100 gr di Farina 00 forte 

Una volta rinfrescato, con lo stesso metodo descritto sopra, lo metteremo in un barattolo ben pulito ed infine lo potremo conservare in frigorifero a +4°C da 1 a 5 giorni.

Trascorse almeno 24 ore, potrete usare il Licoli per preparare la vostra ricetta, ricordandovi di lasciarne sempre una parte che conserverete.

 

Dal Lievito Madre al Licoli

Se avete già il vostro Lievito Madre e volete trasformarlo in Licoli, perché ritenete che sia più pratico e facile da gestire, allora dovrete semplicemente aumentare il quantitativo di acqua ad ogni rinfresco.

Se rinfrescate il Lievito Madre con il metodo in acqua, il vostro lievito ha un’idratazione del 30%: Infatti su 1kg di farina usata nel rinfresco, aggiungete solitamente 300gr di acqua.

Per ottenere il Licoli, dovrete aumentare del 10% il quantitativo di acqua ad ogni rinfresco, fino ad arrivare al 100% (pari peso di acqua rispetto alla farina).

Vi riporto qui sotto una tabella che potrà aiutarvi a pianificare il lavoro

Giorni% di Acquagr di Acqua per 1kg di Farina
Giorno 140%400 gr
Giorno 250%500 gr
Giorno 360%600 gr
Giorno 470%700 gr
Giorno 580%800 gr
Giorno 690%900 gr
Giorno 7100%1 kg

Scopri il Licoli su Biancolievito

Le Vostre Domande Ricorrenti

Quanto tempo occorre per preparare il Licoli?

Il tempo di preparazione del Licoli, dipende molto dal lievito stesso e dalle condizioni con cui viene rinfrescato, come la farina usata e la temperatura a cui si lascia fermentare. Per questo non esiste un tempo determinato.

Con il metodo che vi descrivo su Biancolievito, potrete ottenere un buon licoli in circa 8 - 10giorni.

Per facilitare però la produzione del licoli, vi consiglio di essere molto costanti, si negli orari dei rinfreschi, così come nella farina usata e nella temperatura di lievitazione!

Posso usare l'esubero di Licoli che non rinfresco?

Fino al 2° - 3° giorno, il licoli sarà molto acido e vi consiglio di non usarlo. Trascorsi i primi giorni, invece, potrete usare l'esubero di licoli che non rinfrescherete per insaporire (non far lievitare) impasti, come il Pane, la Pizza o ancora la Piadina. In questo caso, ne basteranno circa 100gr per ogni kg di farina.

Posso fare il Licoli con il Lievito Madre?

Sì, se avete il Lievito Madre, potrete facilmente convertirlo in Licoli, andando semplicemente ad aumentare del 10% la percentuale di acqua sul peso della farina ad ogni rinfresco, fino ad arrivare al 100%.

Vi consiglio di effettuare questo passaggio, rinfrescando quotidianamente il licoli!

Cosa faccio una volta che il Licoli è pronto?

Una volta ultimata la preparazione del Licoli, dovrete fare un ultimo rinfresco e mettere il vostro lievito in frigorifero per almeno 24 ore.

Trascorso queste tempo, potrete usare il Licoli per la vostra ricetta, oppure continuare a conservarlo in frigo fino a 7 giorni, prima di rinfrescarlo nuovamente!

 

Che Farina devo usare per fare il Licoli?

Per avviare la fermentazione, vi consiglio di usare una Farina Integrale di ottima qualità, oppure una Farina Semi-Integrale. Queste farine favoriranno la fermentazione grazie al loro alto contenuto di fibre ed enzimi.

Per tutti i rinfreschi successivi, però, vi consiglio di usare una Farina Forte 00, con un W tra 320 e 360, così da tenere sotto controllo l'acidità del Licoli.

26 commenti su “Come Fare il Licoli a casa”

  1. MICHELE DE LUCA

    Una cosa a riguardo dei li.co.li mi è oscura.
    Se ho bisogno di una grande quantità di li.co.li. come devo fare? Come devo fare per avere sempre a disposizione grosse quantità di li.co.li ?

    1. Ciao Michele,
      non c’è problema, ti basterà effettuare più rinfreschi consecutivi: Tieni presente che ad ogni rinfresco triplichi il quantitativo di partenza.
      Ad esempio puoi effettuare 1 rinfresco ogni 24ore fino ad arrivare al quantitativo che vuoi raggiungere e conservare il licoli in frigo tra un rinfresco a l’altro.

      A presto!

  2. Buongiorno
    mi sono rimessa a fare il licoli dopo svariati insuccessi.
    Mi sono accorta che ci sono delle incongruenze fra ciò che viene spiegato nel video e quello riportato nella ricetta scritta: qui i rinfreschi prevedono quantità di acqua e farina con proporzione unitaria e costante, nel video invece si fa riferimento a rinfreschi con proporzioni diverse, ovvero 1 parte di licoli, 1.8 parte di acqua, 1.8 parte di farina.
    Lo so che non è una scienza perfetta ma vorrei avere delucidazioni sulla questione per non commettere sbagli dato che seguendo altre “ricette” non è riuscito.
    Grazie

    1. Ciao Ilaria,
      ti ringrazio davvero molto della tua segnalazione. Ti confermo che le proporzioni corrette sono quelle indicate nel video (100gr di Licoli, 180gr di Farina e 180gr di Acqua) ed ho provveduto a correggere il procedimento!

      Fammi pure sapere come procede con il tuo licoli!
      A presto!

  3. Ciao e grazie per tutte le informazioni che scrivi! E’ uno dei pochi siti in cui i passi sono spiegati perfettamente in modo chiaro e piacevole! Avevo fatto un tentativo di creazione licoli ma è andato male e ora so il perché grazie alle indicazioni che ho letto qui: avevo usato una farina debole e anche se il preparato fermentava e faceva bollicine ed aveva un buon odore, non aveva forza e aumentava solo di poco il volume, nonostante lo “nutrissi” da quasi un mese. Quindi ricomincerò al più presto seguendo i tuoi consigli. Devo scegliere la farina che “mi accompagnerà” in questo viaggio. Quale farine mi consigli? Da quanto ho capito ne serve una per iniziare l’impasto il primo giorno e poi quella definitiva che userò per tutti i successivi rinfreschi.
    Grazie mille, Sara

    1. Intendevo quale/quali marche di farina mi consigli, sulla forza ho capito che devono essere forti.
      Sara

    2. Ciao Sara,
      mi fa molto piacere che Biancolievito sia un buon tutor per la tua passione!
      per quanto riguarda la scelta della farina, ti confermo che dovrai optare per una buona farina integrale per innescare la fermentazione del pre-impasto e poi optare per una farina 00 forte (del tipo per Pane) per tutti i rinfreschi successivi, incluso il mantenimento.

      Personalmente ti consiglio di dare un’occhiata alla farina Panettone del Molino Quaglia:

      A presto!

  4. Scenario: oggi per esempio è lunedì, il mio Licoli è attivato e posso cominciare a panificare. Premesso che il Licoli è sempre stato alla temperatura dell’aria a 28 gradi, ora che è attivo lo metto in frigo? Per utilizzarlo lo tiro fuori dal frigo e lo rinfresco? Se così fosse, dopo quante ore posso procedere ad utilizzarlo? Mercoledì sera impasterò per preparare la pizza. Come procedo? Faccio un rinfresco quante ore prima di prelevare il Licoli per la pizza? Inoltre, io ho formato il Licoli con dosi 1:1:1, ergo mi ritrovo con 90 grammi di prodotto. Ora, per panificare un kilo di farina ho bisogno di almeno 100 grammi di Licoli. Come lo moltiplico e in quali tempi? Grazie mille!

  5. Buongiorno, sono molto contenta di aver trovato questo sito! Domando se si può trasformar licoli in lievito madre? Grazie!

    1. Ciao!!!
      Grazie mille per il tuo interesse!
      Trasformare il Licoli in Lievito madre è possibile, basta diminuire la dose di acqua ad ogni rinfresco!
      Segui pure le indicazioni della tabella qui sopra, ma al contrario: partirai con il licoli idratato al 100% (100gr di acqua su 100gr di farina) e giorno dopo giorno dovrai arrivare a rinfrescare la pasta madre con 30gr di acqua ogni 100gr di farina!

      A presto!

  6. Cira Balzano

    Buongiorno, dopo aver letto con attenzione la spuegaziox fare il licoli, stamane mi sono accinta a farlo. Una cosa vorrei essere chiarita, dal primo rinfresco in poi farina e acqua pari peso o diversamente più farina eeno acqua? Grazie. Comunque complimenti x la spiegazione

  7. sono in cerca x fare il licoli x la prima volta. Ho letto le sue indicazioni e mi hanno soddisfatta. Provero’ sperando di poter esultare alla fine di tutto il processo. grazie

  8. Ho convertito il LM in Licoli e ho continuato a rinfrescarlo una volta al giorno per una settimana. Domani proverò a rinfrescarlo 2 volte in un giorno per poi conservarlo in frigorifero.
    Avendo letto molti pareri discordanti mi sembra di capire dal tuo blog (molto bello!) che vada riposto in frigorifero subito dopo il rinfresco senza aspettare il raddoppio. Eppoi immagino che per utilizzarlo lo tirerò fuori dal frigorifero ed aspetterò il raddoppio.
    Va bene?

  9. Ciao sono riuscito a rimediare lievito San francisco. Lo rinfresco seguendo le proporzioni classiche del licoli?Che tipo di farina conviene utilizzare?

    1. Ciao Fulvio, si certo puoi seguire tutte le indicazioni per il rinfresco del Licoli.
      Come sempre, usa una farina 00 proteica con circa 14% di proteine, come la Farina Panettone del Molino Quaglia o del Molino Pasini.

      A presto!

  10. Salve
    Chiedo gentilmente due cose, il licoli che mi rimane nel vaso una volta che ho tolto la quantità per rinfrescare, lo devo buttare e lavare il vaso???
    Poi in futuro quando inizio a impastare per il pane, la quantità che tolgo, con quanto devo ripristinare/rinfrescare dopo?
    Che percentuale di licoli devo mettere su 800 gr di farina per fare l’impasto per il pane? Grazie anticipatamente

    1. Ciao Valentino,
      vediamo di rispondere alle tue domande:

      1) La parte rimanente del licoli potrai buttarla, o oppure usare negli impasti di pane e pizza per apportare un’ottima nota acidula.

      2) Una volta prelevata la parte di licoli che ti serve per la ricetta (ricordati che prima di usarla, devi rinfrescarla e farla fermentare per 3ore a 30°C), devi pesare la parte rimanente e fare un rinfresco con pari-peso di farina e acqua (100gr di licoli + 100gr di acqua + 100gr di farina)

      3) Per il pane fatto in casa, ti consiglio di usare dal 20% al 60% di Licoli maturo sul peso della farina: più licoli metterai, più il pane avrà una nota acida!

      A presto!

  11. Se parto per 2 sett come devo fare il rinfresco del mio licoli?In genere ne tengo in frigo in un barattolo una quantità di 300 gr grazieeeeeee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Restiamo in contatto

Iscriviti alla Newsletter di Biancolievito!

Niente spam o offerte promozionali…Promesso!