pane fatto con il lievito madre

Che cos’è il Lievito Madre

Il Lievito Madre, o Pasta Madre, o Lievito Naturale o ancora Pasta Acida, è uno degli ingredienti oggi più in voga soprattutto quando usato per preparare il pane fatto in casa , la pizza o altri dolci da ricorrenza.

A differenza del lievito di birra, il Lievito Naturale è un sistema biologicamente complesso in cui convivono:

  • Batteri Lattici: così chiamati perché producono acido lattico, acido acetico ed anidride carbonica, come risultato della fermentazione degli zucchero
  • Lieviti (Saccaromiceti Exiguus, Cerevisiae e tanti altri): organismi unicellulari che si nutrono di zuccheri (come glucosio e fruttosio), trasformandoli in alcol etilico, anidride carbonica ed altre sostanze importanti per il colore e la nota aromatica del prodotto. Tra queste sostanze ne troviamo una che protegge il lievito dagli sbalzi termici (il Trealosio) ed il glicerolo, che ne aumenta la resistenza in condizioni di alte concentrazione di zucchero (come avviene in alcuni impasti ricchi di zucchero).

I Vari Modi di Conservare il Lievito Madre

Il Lievito Madre Legato

Sicuramente è il metodo più diffuso, di origine milanese ed ancora molto diffuso nel settore della panificazione. La sua conservazione avviene attraverso cicli regolari che consistono nel Bagnetto del Lievito ed il successivo rinfresco con acqua e farina. Dopo il rinfresco, il lievito viene avvolto in un canovaccio (usando un foglio di pellicola trasparente per evitare la formazione della crosta) e legato con una corda per contenerne lo sviluppo dei gas, fino al rinfresco successivo (tipicamente dopo 24h).

Secondo la mia esperienza questo metodo è di più difficile gestione, rispetto a quello in acqua che vi illustrerò tra poco, perché  richiedere una buona esperienza nel saper leggere i “segnali” del lievito per mantenerlo ad una corretta acidità.

Il Lievito Madre conservato in Acqua

Conservare il Lievito in acqua è un metodo di origine piemontese e di alcune zone della Lombardia ed è sicuramente il metodo che mi permetto di consigliarvi.

Secondo questo metodo, la conservazione tra un rinfresco e l’altro, e di tutti i rinfreschi preparatori all’impasto finale, avviene immergendo il lievito madre in acqua.

Vi consiglio di seguire questo metodo perché:

  • È di Facile Gestione;
  • L’ambiente acquoso garantisce un Controllo dell’Acidità;
  • Si ottiene un Lievito  meno Acido, maggiormente adatto alla produzione di pasticceria

Anche se finora avete gestito il vostro lievito con un metodo differente, potrete tranquillamente passare al mantenimento in acqua senza alcun problema. In questo caso prevedete circa 1 settimana di adattamento al nuovo “ambiente”, prima di usare la pasta madre per i vostri prodotti da forno.  

Potrebbe interessarti anche:

Questa Pagina è stata Utile?

  • 4.1/5
  • 33 ratings
33 ratingsX
Non mi piace! Bad Mi piace! Molto Interessante! Fantastico!!
9.1% 3% 12.1% 21.2% 54.5%

Alcune Ricette di Lievitati che potrebbero interessarti:

7 commenti su “Che cos’è il Lievito Madre”

  1. Ciao, grazie per tutte le informazioni. Vorrei porre due domande: prima di avere le informazioni secondo le quali Rolando diceva che a seconda del momento in cui l’impasto saliva in superficie nel bagno, si poteva conoscere la salute del lievito madre. Ma ora ci sono persone che mi hanno detto che non è necessario guardare l’ora. Che ne pensi? Come sapere allora qual è la salute del lievito madre?

    1. Ciao Benjamin,
      in realtà questo metodo può dare una prima informazione sulla “salute” del lievito. Ovviamente il tempo con cui il lievito sale a galla durante il bagnetto è influenzato da moltissimi fattori, tra cui la temperatura dell’acqua, la grandezza dei pezzi di lievito e quanto sono stati strizzati, o ancora il rapporto tra l’acqua ed il lievito stesso.

      A livello artigianale l’aspetto corretto, così come il sapore ed il profumo rimangono i metodi migliori per testare il proprio lievito.

      Spero di aver risposto alla tua domanda!
      A presto

      1. gimetti phelipe

        La conservazione in acqua è tipica dei piemontesi perchè così fatto per portare a Torino il lievito madre rubato a Napoli dalle truppe del mercenario Garibaldi

  2. Pingback: Quanto Lievito Madre per un Kg di Farina? • BiancoLievito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi
Torna su